Consulta OnLine (periodico online) ISSN 1971-9892

 

CRONACHE DALLA CORTE COSTITUZIONALE

2022

il seguito parlamentare delle decisioni

selezione di atti introduttivi

vai alle decisioni

i giudici nel tempo

la Corte, oggi

le relazioni annuali della Corte

 

 

ultimi eventi pubblicati

 

 

20.09.22  Silvana Sciarra è la nuova Presidente della Corte costituzionale

È stata la prima donna eletta giudice dal Parlamento

Silvana Sciarra 

 

 

20.09.22  Giuramento oggi del neo giudice costituzionale Marco D’Alberti

Convalidata ieri dalla Corte la nomina da parte del Presidente della Repubblica il 15 settembre u.s.

Marco D’Alberti

 

 

13.09.22 In scadenza il mandato di Giuliano Amato (il 17 settembre 2022)

“L’esercizio responsabile e certo non timido del proprio potere è un dovere istituzionale. Ma con il rispetto del suo limite, che è parte non rinunciabile della rule of law, chiunque sia a non rispettarlo, l’esecutivo come il giudiziario”

L’allocuzione di commiato  

 

 

30.06.22 La Corte aggiorna la disciplina delle udienze pubbliche

Ritorno del regime delle udienze della Corte alla normalità, ma la partecipazione da remoto rimane comunque un’eventualità

Il comunicato  

 

 

31.05.22 La Corte aggiorna la disciplina delle udienze pubbliche

Le modificazioni alle Norme integrative: articoli 10 e 19 (Corte costituzionale, delibera 24 maggio 2025, G.U. 31 maggio 2022, n. 126)

La disciplina di dettaglio (Presidente della Corte costituzionale, decreto 20 maggio 2022)

 

 

07.04.22 Pubblicata la relazione sull’attività della Corte nel 2021

La relazione  

Il comunicato  

 

 

22.02.22 Il Presidente Giuliano Amato alla televisione: «Bisogna che l'Italia si abitui a una Corte Costituzionale che non solo emana ma spiega le sentenze».

Il video  

 

 

16.02.22 Ammissibili per la Corte le richieste di referendum per l’abrogazione

- del d.lgs 31 dicembre 2012, n. 235 (Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilità e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi, a norma dell'art. 1, comma 63, della legge 6 novembre 2012, n. 190);

- del d.p.r. 22 settembre 1988, n. 447 (Approvazione del codice di procedura penale), risultante dalle modificazioni e integrazioni successivamente apportate, limitatamente all’art. 274, comma 1, lett. c), limitatamente alle parole: “o della stessa specie di quello per cui si procede. Se il pericolo riguarda la commissione di delitti della stessa specie di quello per cui si procede, le misure di custodia cautelare sono disposte soltanto se trattasi di delitti per i quali è prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a quattro anni ovvero, in caso di custodia cautelare in carcere, di delitti per i quali è prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a cinque anni nonché per il delitto di finanziamento illecito dei partiti di cuiall’art. 7 della legge 2 maggio 1974, n. 195 e successive modificazioni”;

- del r.d. 30 gennaio 1941, n. 12 (Ordinamento giudiziario); della l. 4 gennaio 1963, n. 1 (Disposizioni per l’aumento degli organici della magistratura per le promozioni); del d.lgs. 30 gennaio 2006, n. 26 (Istituzione della scuola superiore della magistratura nonché disposizioni in tema di tirocinio e formazione degli uditori giudiziari, aggiornamento professionale e formazione dei magistrati a norma dell’art. 1 comma 1, lett. b) della l. 25 luglio 2005, n. 150); del d.lgs. 5 aprile 2006, n. 160 (Nuova disciplina dell'accesso in magistratura, nonché in materia di progressione economica e di funzioni dei magistrati, a norma dell'articolo 1, comma 1, lettera a), della l. 25 luglio 2005, n. 150); del d.lgs 29 dicembre 2009, 193, convertito, con modificazioni, nella legge 22 febbraio 2010, n. 24 (Interventi urgenti in materia di funzionalità del sistema giudiziario), nel testo risultante dalle rispettive successive modificazioni e integrazioni;

- di una parte dell’art. 25, comma 3, della l. 24 marzo 1958, n. 195 (Norme sulla costituzione e il funzionamento del Consiglio Superiore della Magistratura), nel testo risultante dalle modificazioni e integrazioni successivamente apportate;

- di alcune parti del d.lgs 27 gennaio 2006, n. 25 (Istituzione del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e nuova disciplina dei Consigli giudiziari, a norma dell’art. 1, comma 1, lett. c), della legge 25 luglio 2005, n. 150), nel testo risultante dalle modificazioni e integrazioni successivamente apportate

 

 

15.02.22 Inammissibili per la Corte le richieste di referendum

- per l’abrogazione parziale dell’articolo 579 del Codice penale (omicidio del consenziente)”;

- per l’abrogazione di alcune parti della l. 13 aprile 1988, n. 117 (Risarcimento dei danni cagionati nell'esercizio delle funzioni giudiziarie e responsabilità civile dei magistrati), nel testo risultante dalle modificazioni e integrazioni successivamente apportate;

- per l’abrogazione del d.p.r. 9 ottobre 1990, n. 309 (Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza) relativamente alle seguenti parti: art. 73, comma 1, limitatamente all’inciso “coltiva”; art. 73, comma 4, limitatamente alle parole “la reclusione da due a 6 anni e”; art. 75, limitatamente alle parole “a) sospensione della patente di guida, del certificato di abilitazione professionale per la guida di motoveicoli e del certificato di idoneità alla guida di ciclomotori o divieto di conseguirli per un periodo fino a tre anni.

 

 

29.01.22 È Giuliano Amato il nuovo Presidente della Corte costituzionale.

Il comunicato

 

 

25.01.22 Indetta per sabato 29 gennaio l’elezione del nuovo Presidente della Corte costituzionale. Succederà a Giancarlo Coraggio il cui mandato da giudice scade il 28 gennaio.

I comunicati

25 gennaio 2022

26 gennaio 2022

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Consulta OnLine (periodico online) ISSN 1971-9892