Consulta OnLine (periodico online) ISSN 1971-9892

SCUOLE, CORSI, BANDI, BORSE ED ALTRI EVENTI DI CARATTERE DIDATTICO E FORMATIVO

 

 

 

 

2021

 

 

 

 Entro giovedì 15 giugno - Call for papers – Concorrenza e Mercato (Antitrust, Regulation, Consumer Welfare, Intellectual Property) Milan, Giuffrè-Lefebvre 2021

“Concorrenza, regolazione e innovazione nel settore farmaceutico”

Sulla spinta della crisi sanitaria scatenata dalla pandemia da Covid-19, la Commissione Europea ha avviato una riflessione sulle linee di sviluppo del mercato farmaceutico, con l’intento di definire nuove strategie di settore, in grado di garantire un’industria solida e competitiva (cfr. Strategia farmaceutica per l’Europa - Comp(2020)761 final). Al riguardo, un ruolo cruciale è riservato alla tutela della concorrenza, considerata condizione essenziale per stimolare l’innovazione e, per tale via, garantire l’accesso a medicinali sempre più innovativi e a prezzi più contenuti. D’altra parte, la casistica antitrust, anche recente (v. C. Giust., C-591/16P, Lundbeck), offre evidenze nette dell’incidenza e del grado di sofisticazione delle condotte anticoncorrenziali che interessano il mercato farmaceutico.  Per altro verso, però, appaiono ormai evidenti anche gli effetti positivi, specialmente sui processi di innovazione e sviluppo, derivanti dall’instaurarsi di dinamiche cooperative tra imprese concorrenti.  Allo sviluppo competitivo del settore concorre anche, in un rapporto di stretta strumentalità, la tutela dei risultati dei processi di innovazione tecnica. Da qui, il dibattito intorno al ruolo della protezione brevettuale e all’opportunità di un maggiore allineamento delle legislazioni nazionali in materia. Le dinamiche di mercato appaiono, poi, fortemente condizionate dall’intervento pubblico, nella forma tanto di politiche di sostegno economico alle imprese attive nel mercato farmaceutico o di finanziamento pubblico alla ricerca medico-sanitaria, quanto soprattutto di regolazione amministrativa del settore. Invero, la recente crisi sanitaria ha lasciato emergere aspetti disfunzionali e criticità dell’impianto regolatorio attuale, sollecitando il dibattito intorno all’opportunità di adottare un assetto più flessibile e armonizzato, in grado di meglio adeguarsi all’evoluzione tecnologica, di apprestare reazioni immediate ed efficaci in situazioni emergenziali e di stimolare i processi di ricerca e innovazione.

Sullo sfondo di ogni riflessione e di ogni proposta di intervento rimane l’obiettivo di tutela della salute, con il suo corollario di tutela del paziente-consumatore, al quale deve essere garantito non solo l’accesso a prodotti medico-sanitari innovativi, sicuri e a prezzi concorrenziali, ma anche un adeguato livello di trasparenza informativa rispetto alle caratteristiche e al costo del prodotto.  Con la Call for Papers 2021, la Rivista Concorrenza e Mercato intende stimolare una riflessione scientifica sugli sviluppi e le tendenze più attuali che investono il settore farmaceutico, sollecitando la trasmissione di contributi che tocchino le diverse aree di interesse della Rivista e sviluppino, tra gli altri, i seguenti temi:

          la definizione di mercato rilevante, anche con riferimento al rapporto tra farmaci originatori e farmaci generici, biosimilari o bioequivalenti;

          le condotte restrittive, di sfruttamento e di impedimento, proprie del settore, tra le quali: accordi di pay-for-delay; sconti condizionati; rifiuto di contrarre; brevettazione strategica e abusi di brevetto; imposizione di prezzi eccessivamente gravosi o riduzione strategica dell’offerta; accordi di ripartizione del mercato, anche

mediante artificiosa differenziazione del prodotto;

          il rilievo degli accordi di cooperazione tra imprese come strumenti per fronteggiare una nuova domanda o una crescita della domanda interna, e la relativa

valutazione antitrust;

          la valutazione delle operazioni di concentrazione, con particolare riferimento all’impatto sui prezzi di mercato

e sugli incentivi delle imprese a innovare;

          il ruolo di big data, intelligenza artificiale e nuove tecnologie digitali nella ricerca e nella produzione medico-farmaceutica; la creazione di reti di dati sanitari e l’accesso alle stesse; lo scambio di dati medico-sanitari e il relativo impatto di mercato; le potenzialità dei dati sanitari cd. “sintetici”; 

          le licenze obbligatorie di brevetto e altre misure dall’effetto equivalente (quali, per es., la

“espropriazione dell’uso” dell’invenzione brevettata, di cui all’art. 141 CPI), come rimedio antitrust e come possibile risposta a esigenze medico-sanitarie in contesti emergenziali;

          l’intervento pubblico nel campo della ricerca medica e farmaceutica; gli aiuti di Stato alle imprese attive nel settore farmaceutico;

          lo Stato acquirente: le gare pubbliche come stimolo alla concorrenza e garanzia di contendibilità del mercato, e il relativo rischio di condotte collusive;

          i profili regolatori, quanto al riparto di competenze tra autorità europea e nazionali, alle procedure di accesso delle imprese al mercato e di autorizzazione all’immissione in commercio di nuovi farmaci, nonché alle procedure e ai criteri di determinazione del prezzo dei farmaci;

          la regolazione dei canali distributivi del prodotto: la vendita on line dei farmaci senza prescrizione; i limiti alle importazioni parallele di farmaci;

          la tutela del consumatore, con particolare riferimento alle norme in materia di pubblicità dei farmaci e alla trasparenza informativa sul prodotto farmaceutico. 

Scadenze:

Gli articoli dovranno essere trasmessi, in formato Word, all’indirizzo: concorrenzaemercato@gmail.com  entro il 15 giugno 2021.

I contributi tramessi sono sottoposti a doppio referaggio anonimo. 

Saranno sottoposti alla procedura di referaggio esclusivamente i contributi non pubblicati né accettati per la pubblicazione in altra rivista, e redatti in lingua italiana, inglese, o francese.

L’esito della procedura di referaggio sarà comunicato entro il 15 luglio 2021.

Info: visita il nostro sito web http://dream.luiss.it/osservatorilaboratori/opicc/concorrenza-e-mercato/

 

 

 

 

 

 

 

 

Entro giovedì 1° luglio - Call for papers – Il Piemonte delle Autonomie

“L’utilizzo dei dati nei processi decisionali alla luce della pandemia da Covid-19”

La Rivista quadrimestrale di Scienze dell’Amministrazione “Il Piemonte delle Autonomie”, edita dal Consiglio regionale del Piemonte, intende organizzare una Call for papers sul tema dell’utilizzo dei dati nei processi decisionali alla luce della pandemia da Covid-19.

La call for papers vuole dunque rappresentare un'occasione di approfondimento e confronto sul tema dei dati e del loro utilizzo tra gli studiosi del diritto pubblico e di quello privato. Essa è aperta, altresì, alla prospettiva di altre discipline, nonché all’approccio casistico, a partire dalle seguenti linee di ricerca (senza peraltro limitarsi esclusivamente ad esse):

              Per una teoria generale del rapporto tra dati e diritto

              Dati e automatismi algoritmico-normativi

              Trattamento dei dati tra pubblico e privato

              “Pluralismo” dei dati e decisioni pubbliche

              Dati, principio di precauzione ed esercizio della giurisdizione.

Coloro che intendano sottoporre una proposta di paper (di lunghezza compresa tra i 15.000 e gli 80.000 caratteri - spazi inclusi), redatta in italiano o in inglese, dovranno inviarla entro il 1° luglio 2021 al seguente indirizzo di posta elettronica: piemonte.autonomie@cr.piemonte.it .  Le proposte saranno valutate, in forma anonima, da parte del Comitato scientifico della Rivista e selezionate per la pubblicazione nei numeri 2 e 3/2021. La valutazione dei paper inviati è subordinata al rispetto delle norme redazionali (http://piemonteautonomie.cr.piemonte.it/cms/index.php/norme-redazionali).

Coordinamento organizzativo ed editoriale: Claudia Parola (claudia.parola@cr.piemonte.it ), Giovanni Boggero (giovanni.boggero@unito.it) Massimiliano Malvicini (massimiliano.malvicini@uniupo.it) Francesca Paruzzo (francesca.paruzzo@unito.it )