periodico online ISSN 1971-9892

 

 

CRONACHE DALLE ISTITUZIONI

 

2022

 

 

Ultimi eventi pubblicati

 

 

06.08.22

Varata la riforma del Regolamento del Senato a seguito della revisione costituzionale concernente la riduzione del numero dei parlamentari: tra l´altro, l´istituzione del Comitato per la legislazione ed una prima valorizzazione del ruolo delle autonomie nel Comitato parlamentare per le questioni regionali

Il testo delle modifiche

 

 

28.07.22 Approvata in via definitiva a maggioranza assoluta la revisione costituzionale dell’art. 119 concernente il riconoscimento delle peculiarità delle Isole e il superamento degli svantaggi derivanti dall'insularità

Il testo

 

 

21.07.22 “1. Il GOVERNO rimane impegnato nel disbrigo degli affari correnti, nell'attuazione delle leggi e delle determinazioni già assunte dal Parlamento e nell'adozione degli atti urgenti, ivi compresi gli atti legislativi, regolamentari e amministrativi necessari per fronteggiare le emergenze nazionali, le emergenze derivanti dalla crisi internazionale e la situazione epidemiologica da COVID-19. Il Governo rimane altresì impegnato nell'attuazione legislativa, regolamentare e  amministrativa del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e del Piano nazionale per gli investimenti complementari (PNC).

Dovrà, in ogni caso, essere assicurata la continuità dell'azione amministrativa.”

Circolare della Presidenza del Consiglio dei ministri adottata a seguito dello scioglimento delle Camere

 

 

21.07.22 Finita anticipatamente la XVIII Legislatura (esordita il 23 marzo 2018) con lo scioglimento presidenziale delle Camere

il decreto di scioglimento

la dichiarazione del Capo dello Stato dopo la firma del decreto di scioglimento (interventi che restano comunque indispensabili: contrasto dell’inflazione, contenimento degli effetti della guerra russo-ucraina, attuazione nei tempi concordati del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, contrasto alla pandemia)

 

Firmati, inoltre, i decreti,

- di convocazione dei comizi elettorali per le elezioni del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati per il 25 settembre 2022, nonché di determinazione della data della prima riunione delle nuove Camere fissata per il 13 ottobre 2022;

- di assegnazione alle Regioni del territorio nazionale e alle ripartizioni della circoscrizione Estero del numero dei seggi spettanti per le elezioni per il Senato della Repubblica;

- di assegnazione alle circoscrizioni elettorali del territorio nazionale e delle ripartizioni al territorio della circoscrizione Estero del numero dei seggi spettanti per le elezioni della Camera dei Deputati.

 

 

23.06.22 “La comunità internazionale deve saper assumere obiettivi condivisi e, intorno a essi, promuovere la tutela e l’affermazione dei beni globali.”

l’intervento del Capo dello Stato alla Conferenza sulla cooperazione allo sviluppo

 

 

19.05.22 “Non c’è libertà piena se gli altri ne sono privi. Questo vale all’interno di un Paese, vale nella comunità internazionale. Questo spinge (…) a non chiudere gli occhi, a impegnarsi perché venga ripristinato il diritto internazionale in sede internazionale, venga riaffermata quella catena di valori in cui la libertà si articola.

La libertà è indissolubilmente connessa con altri valori: l’uguaglianza, la solidarietà. Sono questi i valori che vanno coltivati, difesi attivamente.”

l’intervento del Capo dello Stato alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2021/2022 in occasione dell’800° anniversario di fondazione dell’Università degli studi di Padova

 

 

22.04.22 “In Europa, in Italia. Il convinto e incondizionato rifiuto di ogni sopraffazione totalitaria, unitamente alla consapevolezza dell’importanza della democrazia, all’affermazione coraggiosa e intransigente del rispetto della dignità umana, al rifiuto di ogni razzismo, alla fedeltà ai propri ideali, sono i valori che ci sono stati affidati dalla Liberazione; e che avvertiamo di dover trasmettere ai nostri figli, ai nostri nipoti, ai giovani europei perché si scongiuri l’atrocità inescusabile della guerra”

L’intervento del Capo dello Stato all’incontro con gli esponenti delle associazioni combattentistiche e d'arma, nella ricorrenza del 77° anniversario della Liberazione

 

 

30.03.22 “Interpretare non può mai voler dire né arbitrio né, tanto meno, ricerca di originalità: è la norma – stabilita democraticamente dal Parlamento e correttamente inserita nella cornice valoriale delineata dalla Costituzione - a dover definire, perimetrandolo, l’ambito di riferimento della decisione. Interpretare, quindi, significa adattare al caso concreto la norma, senza mai stravolgerla o forzarla, rendendola, piuttosto, attraverso un percorso logico, viva e riconoscibile”

L’intervento del Capo dello Stato all’incontro con i magistrati ordinari in tirocinio

 

 

28.03.22 “Le ragioni della convivenza umana pretendono che si ponga fine alle guerre. La pace è sempre doverosa e possibile. Proprio per questo, stiamo rispondendo con la dovuta solidarietà all’aggressione nei confronti dell’Ucraina”

L’intervento del Capo dello Stato all’inaugurazione dell’anno accademico a Trieste

 

 

25.03.22 “Pace e libertà, diritti delle persone e delle comunità, sono caposaldi inscindibili e costituiscono traguardi che i cittadini del Continente oggi intendono riguadagnare per comporre un nuovo quadro di sicurezza, di cooperazione, di convivenza”

Il messaggio del Capo dello Stato al Congresso dell’A.N.P.I.

 

 

01.03.22 “L’Italia ha risposto all’appello del Presidente Zelensky che aveva chiesto equipaggiamenti, armamenti e veicoli militari per proteggersi dall’aggressione russa”

Le comunicazioni del Presidente del Consiglio sulla guerra russa all’Ucraina

 

 

25.02.22 “Davanti alle terribili minacce che abbiamo davanti, per essere uniti con l’Ucraina e con i nostri alleati dobbiamo prima di tutto restare uniti fra noi”

L’informativa alle Camere del Presidente del Consiglio sulla guerra russa all’Ucraina

 

 

24.02.22 “Perché l’Europa non precipiti improvvisamente in un vortice di guerre, è necessario agire con forza e lungimiranza per ristabilire il primato del diritto internazionale e la salvaguardia dei principi e dei valori che hanno garantito pace e stabilità al nostro continente”

Il comunicato del Consiglio supremo di difesa presieduto dal Capo dello Stato

 

 

24.02.22 “Perché l’Europa non precipiti improvvisamente in un vortice di guerre, è necessario agire con forza e lungimiranza per ristabilire il primato del diritto internazionale e la salvaguardia dei principi e dei valori che hanno garantito pace e stabilità al nostro continente”

Il messaggio del Presidente del Consiglio sulla guerra russa all’Ucraina

 

 

08.02.22 Completato l’iter parlamentare della revisione costituzionale degli artt. 9 e 41 della Costituzione.

Il testo della Costituzione modificato

 

 

03.02.22 “Una riflessione si propone anche sul funzionamento della nostra democrazia, a tutti i livelli.

Proprio la velocità dei cambiamenti richiama, ancora una volta, al bisogno di costante inveramento della democrazia.

Un’autentica democrazia prevede il doveroso rispetto delle regole di formazione delle decisioni, discussione, partecipazione. L’esigenza di governare i cambiamenti sempre più rapidi richiede risposte tempestive. Tempestività che va comunque sorretta da quell’indispensabile approfondimento dei temi che consente puntualità di scelte.

Occorre evitare che i problemi trovino soluzione senza l’intervento delle istituzioni a tutela dell’interesse generale: questa eventualità si traduce sempre a vantaggio di chi è in condizioni di maggiore forza.

Poteri economici sovranazionali tendono a prevalere e a imporsi, aggirando il processo democratico.

Su un altro piano, i regimi autoritari o autocratici tentano ingannevolmente di apparire, a occhi superficiali, più efficienti di quelli democratici, le cui decisioni, basate sul libero consenso e sul coinvolgimento sociale, sono, invece, più solide ed efficaci.

La sfida – che si presenta a livello mondiale – per la salvaguardia della democrazia riguarda tutti e anzitutto le istituzioni.

Dipenderà, in primo luogo, dalla forza del Parlamento, dalla elevata qualità della attività che vi si svolge, dai necessari adeguamenti procedurali.

Vanno tenute unite due esigenze irrinunziabili: rispetto dei percorsi di garanzia democratica e, insieme, tempestività delle decisioni.

Per questo è cruciale il ruolo del Parlamento, come luogo della partecipazione. Il luogo dove si costruisce il consenso attorno alle decisioni che si assumono. Il luogo dove la politica riconosce, valorizza e immette nelle istituzioni ciò che di vivo emerge dalla società civile.

Così come è decisivo il ruolo e lo spazio delle autonomie. Il pluralismo delle istituzioni, vissuto con spirito di collaborazione – come abbiamo visto nel corso dell’emergenza pandemica – rafforza la democrazia e la società.

Non compete a me indicare percorsi riformatori da seguire. Ma dobbiamo sapere che dalle risposte che saranno date a questi temi dipenderà la qualità della nostra democrazia.”

Il discorso pronunciato dal Presidente della Repubblica dopo il giuramento davanti al Parlamento riunito

 

 

29.01.22 Dichiarazione del Presidente della Repubblica a seguito della sua rielezione.

Il testo

 

 

29.01.22 Sergio Mattarella rieletto Presidente della Repubblica all’ottavo scrutinio.

Resoconto sommario della seduta del Parlamento riunito (lunedì 24 gennaio-29 gennaio 2022) (in via di completamento)

 

I Presidenti della Repubblica dal 1948 fino ad oggi.

 

 

29.01.22 È Giuliano Amato il nuovo Presidente della Corte costituzionale.

Il comunicato

 

 

27.01.22 “Nel cuore dell’Europa si era aperta una voragine che aveva inghiottito secoli di civiltà, di diritti, di conquiste, di cultura”

Il messaggio del Presidente della Repubblica in occasione del Giorno della Memoria

 

 

22.01.22 Elenco dei delegati regionali all’elezione del Capo dello Stato

 

 

17.01.22 Franco Frattini è il nuovo Presidente del Consiglio di Stato (succede a Filippo Patroni Griffi nominato giudice costituzionale)

La biografia.

 

 

04.01.22 Convocato il Parlamento in seduta comune per l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica

La convocazione recata dalla G.U. 4 gennaio 2021, n. 2 serie gen., indica per la seduta la data di lunedì 24 gennaio 2022, alle ore 15.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2021           2020           2019           2018           2017           2016           2015

2014           2013           2012           2011           2010           2009

 

 

 

 

 

 

 

Consulta OnLine (periodico online) ISSN 1971-9892