Consulta OnLine (periodico online) ISSN 1971-9892

FORMAZIONE, SCUOLE E CORSI

 

 

 

2018

 

 

 

 

 

Venerdì 7 settembre, venerdì 14 settembre, venerdì 21 settembre, venerdì 28 settembre, venerdì 5 ottobre, venerdì 12 ottobre, venerdì 19 ottobre, venerdì 26 ottobre, venerdì 9 novembree venerdì 16 novembre 2018– ROMA – corso di specializzazione

Migrazioni, Integrazione e Democrazia”.

Profili Giuridici, Sociali e Culturali  II edizione

Scheda di sintesi

Le migrazioni sono un fenomeno che accompagna da sempre l’uomo e tuttavia a partire dal secolo scorso e, in particolare, dall’inizio del nuovo l’attenzione verso le migrazioni e i migranti ha assunto rilievo preponderante tanto sul piano politico che sociale.

I migranti arrivano numerosi in Europa dall’Africa e dall’Asia, fuggendo da persecuzioni, guerre, calamità naturali, condizioni di povertà e di miseria estreme, cambiamenti climatici, ecc. affrontano viaggi di fortuna e ad alto rischio per coltivare la speranza di una nuova vita. Quanti sono? Da dove provengono? Dove vogliono andare? Che tipo di accoglienza li aspetta nei Paesi europei? Quali i modelli di integrazione?

È per rispondere a questi e ad altri interrogativi simili che l’Unione forense per la tutela dei diritti umani ha deciso di organizzare il Corso di specializzazione “Migrazioni, integrazione e democrazia. Profili giuridici, sociali e culturali”, quest’anno giunto alla II edizione, con l’obiettivo di fornire un quadro interdisciplinare della materia dell’immigrazione, dal punto di vista giuridico, economico, demografico e antropologico, nonché dal punto di vista giornalistico, sociologico, medico e psicologico, con l’espressa intenzione di illustrare questo complesso fenomeno in una prospettiva a 360 gradi, analizzandone le varie sfaccettature e tentando di fornire una visione quanto più completa possibile ai fruitori del corso.

È evidente infatti che le questioni in gioco, dal flusso costante di migranti in arrivo, alle problematiche relative all’ingresso, all’identificazione, alla circolazione, all’accoglienza e all’integrazione nel tessuto sociale, sino all’assistenza medica e alle prestazioni sociali e alla tutela delle relazioni familiari, richiedano un approccio multidisciplinare da parte di professionisti appositamente formati e in grado di fronteggiare la nuova sfida delle migrazioni internazionali.

Proprio a tale scopo, il corso è stato suddiviso in apposite giornate che si occuperanno di affrontare ciascuna delle suddette tematiche tramite una prospettiva comparata e con la partecipazione dei maggiori esperti del settore con riferimento alle varie competenze professionali.

Il corso si articolerà dunque in una serie di 10 incontri a tematica multidisciplinare da settembre a novembre 2018, per una durata complessiva di 35 ore. Ciascuna giornata si svolgerà il venerdì

pomeriggio (dalle ore 14:00 alle ore 17:30) presso il Parlamentino del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, in Viale David Lubin, 2 – Roma.

Ai fini di un ottimale svolgimento dell’attività didattica è altresì previsto un numero massimo di 90 partecipanti.

È possibile seguire il Corso anche in modalità telematica, per chi non abbia la possibilità di recarsi a Roma. È stata infatti predisposta una piattaforma online (GoWebinar) attraverso la quale i discenti potranno collegarsi all’orario del corso e seguire comodamente da casa la lezione in diretta, ciascuno attraverso le proprie credenziali e il proprio account.

Il corso è destinato ad operatori del diritto (avvocati, magistrati e praticanti avvocati), rappresentanti delle ONG specializzate nel settore dei diritti umani, funzionari della pubblica amministrazione, mediatori culturali, medici, assistenti sociali e a tutti coloro che intendano conseguire una specializzazione in materia.

Il costo per la partecipazione al Corso è di € 600 (€ 500 per studenti, praticanti e under 30). Durante il corso i partecipanti potranno accedere alla documentazione relativa a ciascuna lezione attraverso il sito dell’Associazione (www.unionedirittiumani.it). Le iscrizioni al corso dovranno pervenire alla segreteria dell’Unione forense per la tutela dei diritti umani, tramite apposito modulo di adesione rinvenibile sul sito dell’associazione, da inviare unitamente alla copia del bonifico bancario (IBAN: IT49 B033 5901 6001 0000 0060 078). L’Unione forense per la tutela dei diritti umani è un’associazione senza scopo di lucro fondata il 2 marzo 1968 a Roma. Per la frequentazione del presente corso è richiesto un contributo a titolo di rimborso delle spese organizzative.

Le lezioni si terranno nei seguenti venerdì del corrente anno: 7 settembre, 14 settembre, 21 settembre, 28 settembre, 5 ottobre, 12 ottobre, 19 ottobre, 26 ottobre, 9 novembre, 16 novembre 2018.

Ai partecipanti sarà offerto il “Dossier Statistico Immigrazione 2017”, realizzato da Idos in partenariato con Confronti, con il sostegno dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese e la collaborazione dell’Unar.

Il corso ha ricevuto il patrocinio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), del Ministero della Giustizia e del Consiglio Nazionale Forense.

Il Consiglio Nazionale Forense ha riconosciuto altresì 20 crediti formativi per l’intero corso, di cui 3 in materie obbligatorie.

Comitato Scientifico-Organizzativo: Avv. Prof. Anton Giulio Lana; Dott.ssa Lucia Tria; Prof. C           hristopher Hein; Prof. Matteo Carbonelli; Avv. Mario Melillo; Prof. Avv. Nicola Colacino; Prof. Avv. Andrea Saccucci; Dott.ssa Mariangela Cecere; Avv. Alessio Sangiorgi; Dott.ssa Costanza Hermanin; Dott.ssa Héléna Behr.

Segreteria organizzativa: Sig.ra Gioia Silvagni

Unione Forense Per La Tutela Dei Diritti Umani  Via Emilio de’ Cavalieri 11 – 00198 Roma  Tel. +39 06 8412940 – E-mail: info@unionedirittiumani.it

Programma del Corso

I GIORNATA

Venerdì 7 settembre 2018

Il fenomeno delle migrazioni in Italia e in Europa

- I Paesi di origine dei migranti e quelli di transito: uno sguardo di insieme

- I flussi migratori misti tra migranti “forzati” e migranti “economici”

- Impatto sul piano demografico

- La tratta degli esseri umani

- L’emergere del nuovo fenomeno dei “rifugiati ambientali”

- Ricadute economiche delle migrazioni

- Cooperazione dei Paesi terzi

Giovanni Tria, Ministro dell’Economia e delle Finanze

Giovanni Salvi, Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Roma

Nicola Colacino, Professore di Diritto internazionale nell’Università di Roma “Niccolò Cusano”

Antonio Ricci, Vicepresidente di IDOS - Centro ricerche dossier statistico immigrazione

II GIORNATA

Venerdì 14 settembre 2018

Ingresso e statuto giuridico dei migranti in Italia e in Europa

- La nostra Costituzione, i principi affermati dalla Corte costituzionale e la giurisprudenza della Corte di Cassazione

- L’ingresso dello straniero nel territorio italiano

- Le politiche europee in materia di asilo, immigrazione e controllo delle frontiere

- La tutela dei migranti nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo

- La giurisprudenza della Corte EDU e il ricorso alle misure provvisorie in caso di espulsione

- La gestione delle frontiere esterne e il codice Schengen

- Disciplina dell’ingresso e soggiorno dei migranti in Italia

- Tipologie di permesso di soggiorno

- Respingimenti, espulsioni e accompagnamenti alla frontiera

- Struttura, organizzazione e funzionamento delle Commissioni territoriali per il diritto di asilo

Giuseppe Cataldi, Professore di diritto internazionale nell’Università L’Orientale di Napoli

Christopher Hein, Professore di diritto e politiche di immigrazione e asilo nell’Università LUISS Guido Carli

Anton Giulio Lana, Presidente dell’Unione forense per la tutela dei diritti umani

Franca Mangano, Presidente della I Sezione Civile del Tribunale di Roma

III GIORNATA

Venerdì 21 settembre 2018

I migranti forzati

- L’asilo nella normativa e nella giurisprudenza

- Il Sistema europeo comune di asilo e le proposte di riforma

- (segue) Il regolamento Dublino, il regolamento Eurodac e le criticità

- Le tre direttive dell’UE (procedure, qualifica e accoglienza)

- (segue) Il nuovo approccio hotspot e il sistema della riallocazione delle quote.

- Il principio di solidarietà tra Stati membri e come valore fondamentale dell’Unione Europea

- La protezione internazionale (rifugio, protezione sussidiaria, protezione temporanea)

- Convenzione di Ginevra del 1951 sullo status dei rifugiati e principio di non refoulement

- La protezione sussidiaria

- I permessi per motivi umanitari e il disagio sociale

- Permessi di soggiorno per motivi di sicurezza sociale e per motivi di giustizia

- La procedura di riconoscimento della protezione internazionale

- Vittime di tortura

Elena Ambrosetti, Professoressa di demografia nella “Sapienza” Università di Roma

Felipe Camargo, Rappresentante dell’UNHCR per il Sud Europa

Carlo De Chiara, Consigliere della Corte di Cassazione

Sandra Sarti, Presidente della Commissione Nazionale per il diritto di asilo - Ministero dell’Interno

IV GIORNATA

Venerdì 28 settembre 2018

Il lavoro degli immigrati

- Il sistema del decreto flussi e la sua crisi dal 2010 in poi

- Differenti modalità di ingresso per motivi lavorativi

- Il caporalato e la schiavitù

- Le prestazioni sociali a favore dei migranti: diritti dei lavoratori e tutela previdenziale

- Le Convenzioni ILO sui lavoratori migranti

Federico Soda, Direttore dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Matteo Carbonelli, Professore di Diritto internazionale nell’Università degli studi della Tuscia

Vittorio Longhi, Giornalista e consulente dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro

Lucia Tria, Consigliere della Corte di Cassazione

V GIORNATA

Venerdì 5 ottobre 2018

Unità familiare e migranti minorenni

- Ricongiungimento familiare, disciplina UE e normativa interna

- Requisiti e procedura

- Minori stranieri accompagnati e non accompagnati: profili penali e civili

- Nomina del tutore e sistema di accoglienza

- La vulnerabilità dei minori e delle famiglie con minori

- Integrazione nel sistema scolastico italiano

- La detenzione del minore straniero

- Nuova normativa sui minori non accompagnati

- Il ricollocamento

Maria De Donato, Responsabile del settore legale del Consiglio italiano per i rifugiati

Costanza Hermanin, Professoressa di politica e governance dell’Unione Europea presso Sciences-Po Paris e il Collegio d’Europa di Bruges

Maria Monteleone, Procuratore aggiunto della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma

Roberto Virzo, Professore di diritto internazionale nell’Università del Sannio e nella LUISS Guido Carli

VI GIORNATA

Venerdì 12 ottobre 2018

L’importanza delle parole

- Quando a partire eravamo noi

- I mass-media e i social network

- L’esperienza della Carta di Roma

- L’uso delle parole

Alessandra Ballerini, Avvocata in Genova

Patrizia Bertini Malgarini, Professoressa di linguistica italiana nell’Università LUMSA ù

Terry Bruno, Psicologa, Presidente EARTH-Nlp

Giorgio Zanchini, Giornalista Rai

VII GIORNATA

Venerdì 19 ottobre 2018

Assistenza e integrazione sociale

- Integrazione e modelli a confronto

- Il ruolo delle Regioni

- La tutela della salute

- L’iscrizione anagrafica e la residenza

- L’alloggio

- L’assistenza sociale

Gianni Del Bufalo, Fondatore e direttore de Il Faro

Daniela Di Capua, Direttrice del Servizio Centrale dello SPRAR

Giuseppe Ippolito, Infettivologo, Direttore scientifico dell’ospedale Spallanzani di Roma

Mario Ricca, Professore di diritto interculturale nell’Università di Parma

VIII GIORNATA

Venerdì 26 ottobre 2018

Discriminazioni e xenofobia

- Il rischio delle discriminazioni

- La legge Reale e la legge Mancino

- Il Comitato CERD e le sue ultime osservazioni

- Hate speech online e offline nei confronti dei migranti

- Il ruolo e le funzioni dell’UNAR

- Le azioni in materia di discriminazione

- Pregiudizi e luoghi comuni nella sanità

Chiara Favilli, Professoressa di diritto dell’Unione Europea nell’Università di Firenze

Roberto Giovene Di Girasole, componente della Commissione Mediterraneo del CNF

Emilio Robotti, Avvocato in Genova

Giancarlo Santone, Medico, Coordinatore Centro SA.MI.FO. Salute Migranti Forzati

IX GIORNATA

Venerdì 9 novembre 2018

L’acquisto della cittadinanza italiana o dello status di apolide

- La legge n. 91/1992

- Il procedimento amministrativo per l’ottenimento dello ius civitatis

- Le ipotesi di ius soli: limiti della disciplina vigente e prospettive di modifica

- Orientamenti giurisprudenziali e applicativi

- L’apolidia e le procedure per il riconoscimento dello status

- Il diritto di elettorato attivo e passivo

- I ricorsi avverso il diniego della cittadinanza

Danilo Del Gaizo, Avvocato dello Stato

Sergio Marchisio, Professore di diritto internazionale nella “Sapienza” Università di Roma

Andrea Saccucci, Professore di diritto internazionale nell’Università della Campania Luigi Vanvitelli

Alessio Sangiorgi, Avvocato in Roma

X GIORNATA

Venerdì 16 novembre 2018

Il diritto di difesa

- La difesa in sede amministrativa

- I ricorsi in materia di protezione

- I ricorsi in materia di espulsione e trattenimento presso i centri

- Il ricorso avverso il respingimento alla frontiera

- La tutela processuale del minore migrante

- La persistente vigenza del reato di immigrazione clandestina e i suoi effetti

- L’interpretariato e mediazione culturale

- Il patrocinio a spese dello Stato

Anna Losurdo, Consigliere del Consiglio Nazionale forense

Elisabetta Melandri, Presidente del Centro informazione ed educazione allo sviluppo (CIES)

Mario Melillo, Segretario Generale dell’Unione forense per la tutela dei diritti umani

Maria Giovanna Ruo, Presidente della Camera Nazionale Avvocati per la Famiglia e i Minorenni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: C:\Users\Lara\Desktop\new.gif Da venerdì 23 novembre a venerdì 11 gennaio – ROMA – Corso di specializzazione

Corso di specializzazione sulla “Tutela europea dei diritti umani

PROGRAMMA

Il corso di specializzazione, giunto alla sua XIX edizione, si articola in una serie di sei incontri, della durata di tre ore ciascuno, che si terranno presso la Cassa Forense, in Via Ennio Quirino Visconti n. 6/8, il venerdì a partire dal 23 novembre 2018. Durante il corso i partecipanti potranno accedere alla documentazione relativa a ciascuna lezione attraverso il sito dell’Associazione (www.unionedirittiumani.it).

Venerdì 23 novembre 2018

14:30 – Indirizzi di saluto

Anton Giulio Lana, Presidente dell'Unione forense per la tutela dei diritti umani

Nunzio Luciano, Presidente della Cassa Forense

Francesco Caia, Consigliere del Consiglio Nazionale Forense – Presidente della Commissione per i diritti umani presso il CNF

15:00 – La Convenzione europea dei diritti dell’uomo e la Corte di Strasburgo

Guido Raimondi, Presidente della Corte europea dei diritti dell’uomo

16:00L’evoluzione della tutela dei diritti umani nella giurisprudenza della Corte di Lussemburgo

Enzo Cannizzaro, Professore di diritto internazionale nella Sapienza – Università di Roma

17:00 L’applicazione diretta della Carta UE dei diritti fondamentali e della CEDU ai rapporti fra privati

Guido Alpa, Professore ordinario di diritto civile nella Sapienza – Università di Roma

Venerdì 30 novembre 2018

15:00 – L’impatto della CEDU sul sistema costituzionale di protezione dei diritti

Filippo Donati, Professore di diritto costituzionale nell’Università di Firenze

16:00 – Condizioni di ricevibilità dei ricorsi individuali

Anton Giulio Lana, Presidente dell’Unione forense per la tutela dei diritti umani

17:00 – La procedura di esame dei ricorsi individuali

Paolo Cancemi, Referendario presso la Cancelleria della Corte europea dei diritti dell’uomo

Venerdì 7 dicembre 2018

15:00 – Le violazioni strutturali della CEDU e la procedura della sentenza pilota

Andrea Saccucci, Professore di diritto internazionale nell’Università della Campania Luigi Vanvitelli

16:00 – La garanzie penalistiche dell’equo processo nell’art. 6 CEDU

Andrea Tamietti, Vice Cancelliere di Sezione presso la Corte europea dei diritti dell’uomo

17:00 – Le garanzie in materia penale nell’art. 7 CEDU

Vittorio Manes, Professore di diritto penale nell’Università di Bologna

Venerdì 14 dicembre 2018

15:00 – La giurisprudenza della Corte europea sulle questioni “eticamente sensibili”

Francesco crisafulli, Magistrato, già co-Agente del Governo italiano dinanzi alla Corte europea dei diritti dell’uomo

16:00 – Il divieto di tortura e la tutela dei migranti nell’art. 3 CEDU

Roberto Chenal, Referendario presso la Cancelleria della Corte europea dei diritti dell’uomo

17:00 – La libertà di espressione nell’art. 10 della CEDU

Pietro Pustorino, Professore di diritto internazionale nell’Università LUISS Guido Carli

Venerdì 21 dicembre 2018

15:00 – La Carta dei diritti fondamentali dell’UE: profili sostanziali

Angela Di Stasi, Professoressa di diritto dell’Unione europea nell’Università di Salerno

16:00 I criteri di applicabilità della Carta dei diritti fondamentali dell’UE

Giuseppe Bronzini, Consigliere della Corte di Cassazione

17:00 – La normativa europea in materia di migrazione e asilo

Chiara Favilli, Professoressa di Diritto dell’Unione Europea nell’Università di Firenze

Venerdì 11 gennaio 2019

15:00 – I rapporti tra corti europee, corti costituzionali e corti supreme degli Stati membri

Elena Sciso, Professoressa di diritto internazionale nell’Università LUISS Guido Carli

16:00 – Riflessi nell’ordinamento interno della giurisprudenza delle Corti europee

Roberto Conti, Consigliere della Corte di Cassazione

17:00 – L’efficacia delle sentenze della Corte europea nell’ordinamento interno

Vladimiro Zagrebelsky, già Giudice della Corte europea dei diritti dell’uomo

CASSA FORENSE Via Ennio Quirino Visconti, 6/8 – Roma

Coordinamento scientifico: Avv. Prof. Anton Giulio Lana

Segreteria organizzativa: Sig.ra Gioia Silvagni, Tel. 06 8412940 - Fax 06 85300801 - www.unionedirittiumani.it - tutela@unionedirittiumani.it.

Le iscrizioni al corso dovranno pervenire alla segreteria dell’Unione forense per la tutela dei diritti umani (Sig.ra Gioia Silvagni), tel. 06 8412940, tramite apposito modulo di adesione rinvenibile sul sito dell’associazione, da inviare unitamente alla copia del bonifico bancario (IBAN: IT49 B033 5901 6001 0000 0060 078) entro il 10 novembre 2018. È previsto un numero massimo di 80 partecipanti. La quota di iscrizione è di € 250,00 comprensiva di IVA.

Il Consiglio Nazionale Forense ha riconosciuto 18 crediti formativi (di cui 3 in materie obbligatorie).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: C:\Users\Lara\Desktop\new.gif Da novembre a giugno – PAVIA – Master di II Livello

“La lingua del diritto. Comprensione elaborazione e applicazioni professionali”

Obiettivi formativi:

Leggi chiare, contratti con clausole non ambigue, atti della pubblica Amministrazione comprensibili: il diritto ha bisogno di un linguaggio appropriato e di professionisti della scrittura. È un ambito su cui Università e Istituzioni hanno deciso di investire sapere ed esperienza in modo nuovo e originale, per promuovere un’o_erta formativa di alta qualità culturale e al tempo spesso fortemente professionalizzante. L’obiettivo del Master è di formare esperti in possesso sia di solide competenze in materia giuridica e di linguistica applicata al diritto sia di adeguati strumenti e tecniche redazionali, che consentano di acquisire consapevolezza, chiarezza e precisione nella redazione e revisione di testi giuridici pubblici e privati. Il percorso formativo culminerà in un tirocinio formativo presso il Senato della Repubblica, nel corso del quale gli iscritti parteciperanno alle attività degli Uffici a supporto dei lavori parlamentari, affiancheranno i funzionari nella stesura e revisione degli atti normativi e seguiranno tutte le fasi dell'iter legislativo e dell’esame degli atti dell’Unione Europea.

Sbocchi professionali:

Il Master, di II livello, rivolto principalmente a laureati in discipline giuridiche, umanistiche, politico-sociali ed economiche, sviluppa e rafforza competenze per:

- partecipazione a concorsi pubblici presso organi costituzionali e amministrazioni pubbliche;

- accesso alle libere professioni e ad attività lavorative presso varie realtà pubbliche e private: gruppi parlamentari e consiliari, associazioni di categoria e sindacati, imprese, centri di ricerca e società di consulenza per le pubbliche amministrazioni.

Il Master offre alta qualificazione e ottimo aggiornamento professionale per:

- dirigenti e funzionari di amministrazioni pubbliche statali, regionali e comunali;

- dirigenti e funzionari delle istituzioni dell'Unione europea;

- dirigenti e funzionari di aziende, associazioni di categoria e sindacati;

- dipendenti e collaboratori di gruppi parlamentari e consiliari;

- assistenti di parlamentari e di consiglieri regionali;

- traduttori, interpreti e revisori di testi in ambito giuridico;

- avvocati, notai, commercialisti, consulenti del lavoro, giuristi d'impresa;

- consulenti di società informatiche nel settore giuridico.

Ordinamento didattico:

L’offerta formativa, contrassegnata da un taglio spiccatamente interdisciplinare, con compresenza di discipline giuridiche, di analisi linguistica, filosofica, storico-politica e neuroscientifica, è così articolata:

- un periodo di formazione all’Università di Pavia scandito in 5 moduli, tutti suddivisi in didattica frontale e laboratori, per un totale di 336 ore;

- un tirocinio formativo presso il Senato della Repubblica.

Le attività di formazione sono svolte da professori dell'Università di Pavia e di altri Atenei; da consiglieri parlamentari del Senato della Repubblica; da ricercatori del CNR; da dirigenti e funzionari di istituzioni italiane (Governo, Accademia della Crusca) ed europee (Parlamento e Consiglio dell’Unione Europea) e da esperti altamente qualificati.

Le lezioni sono concentrate in una settimana al mese, da novembre 2018 a giugno 2019. Ai partecipanti che abbiano svolto con profitto le attività verrà rilasciato il diploma del Master.

Iscrizione e informazioni

Il Master prevede un massimo di 20 partecipanti; in caso di un numero di candidature superiore, l'ammissione sarà effettuata sulla base di criteri di merito, in base al voto di laurea e a un colloquio, che terrà conto anche dell’eventuale carriera professionale pregressa e delle motivazioni del candidato.

La quota di iscrizione è 3.600 euro.

Sono previste borse di studio a totale copertura dei costi di iscrizione, assegnate in base a criteri di merito. Le iscrizioni saranno aperte dal 28 settembre 2018 sul sito dell’Università di Pavia. http://www.unipv.eu

Le attività didattiche e di laboratorio si svolgeranno presso il Collegio Ghislieri, in pieno centro storico di Pavia. Il collegio opera sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica come “Ente di Alta Qualificazione Culturale” http://www.ghislieri.it

Gli allievi che lo desiderano possono pernottare a Pavia presso Palazzo Vistarino, residenza nobiliare settecentesca affacciata sul fiume, oggi sede della Fondazione universitaria Alma Mater Ticinensis (costo 250 euro settimanali)._http://www.palazzovistarino.it

Durante il tirocinio presso il Senato, gli allievi che lo desiderano potranno pernottare presso la Casa dell'Aviatore, Circolo Ufficiali dell’Aeronautica Militare, in regime di Convenzione con il Senato della Repubblica. http://www.casaviatore.it

Piano didattico del Master

Moduli

I. La lingua del diritto: fondamenti e analisi

1. Lingua e diritto

I rapporti fra lingua e diritto / La storia dell’italiano giuridico / Quale lingua per il diritto? Dai codici di stile alle Regole e raccomandazioni

2. Analizzare, comprendere e costruire i testi giuridici

Le tipologie del testo giuridico. Classificazione e analisi linguistica / Aspetti semantici e pragmatici del linguaggio normativo / Il discorso giuridico: argomentazione e costruzione / Trattamento automatico del linguaggio giuridico: metodi, tecniche, risultati e applicazioni

Laboratori:

Analisi guidata su testi di generi diversi: testi normativi; testi giudiziari / Comparazione di testi giuridici di epoche diverse: dalle leges alle leggi attuali / Scrittura giuridica: individuare, organizzare esprimere l’argomento / Riflessioni sull’interpretazione e sull’applicazione della legge

II. Dentro l’officina normativa

1. Produzione normativa e qualità della regolamentazione

Le fonti del diritto in un ordinamento complesso / La produzione degli atti normativi tra vincoli costituzionali e regole di tecnica legislativa / I controlli sulla qualità della regolamentazione

2. Politiche e strumenti per la qualità degli atti normativi

Il ciclo della regolamentazione / La semplificazione e il riordino della normazione

3. La funzione normativa a livello statale

Gli uffici del Governo e le procedure per la redazione delle norme / L’iter legislativo: nelle Commissioni; in Assemblea / La copertura finanziaria delle leggi

4. La funzione normativa nelle regioni

L’istruttoria nelle Assemblee regionali / La redazione delle norme a livello regionale

Laboratori:

Struttura e contenuto di un atto normativo: analisi guidata / Tecnologie del linguaggio per la valutazione della qualità degli atti normativi / Redazione degli atti normativi statali e regionali / Elementi di informatica giuridica documentaria e guida alla ricerca nei siti istituzionali e nelle banche dati giuridiche nazionali / Sistemi informatici per l’estrazione di conoscenza da basi documentali e di supporto alla redazione di atti giuridici / Tecniche di verbalizzazione e resocontazione

III. Diritto e linguaggio giuridico dell’Unione europea

1. Il procedimento legislativo in un contesto multilingue

Competenze, processo decisionale e atti dell'UE / I rapporti tra l’ordinamento italiano e l’ordinamento dell’UE / Ciclo della regolazione e qualità della legislazione / La partecipazione dell’Italia alla formazione degli atti dell’UE

2. Profili linguistici nell’elaborazione del diritto dell’Unione europea

La dimensione linguistica nel processo decisionale europeo / Forma e contenuto degli atti dell'UE /

I controlli sulla qualità della legislazione dell’UE: i giuristi linguisti

3. Profili linguistici nell’interpretazione e nell’applicazione del diritto dell’Unione europea

Il multilinguismo nella giurisprudenza della Corte di giustizia / Il fattore linguistico nell'interpretazione e nell’applicazione del diritto dell'UE / L’attuazione degli obblighi derivanti dall’appartenenza all’UE

Laboratori:

Prove di stesura di un atto dell'UE / La lingua italiana alla prova del diritto dell’UE / Prove di stesura di un decreto legislativo di recepimento di una direttiva / Gli strumenti informatici per la traduzione giuridica / Guida all'accesso a banche dati europee e internazionali / Prove di stesura di una risoluzione parlamentare in sede di esame di atti dell’UE

IV. Pluralità dei linguaggi normativi e scrittura degli atti giuridici

Le norme della Costituzione e il linguaggio della Corte costituzionale / Le norme di diritto civile e

commerciale / Le norme di diritto penale / Le norme di diritto amministrativo / Le norme del diritto del lavoro

Laboratori:

Scrittura degli atti amministrativi / degli atti processuali e giudiziari / dei contratti / degli atti delle associazioni di categoria

V. La ricezione del diritto: lingua, individuo, società

Linguaggio giuridico, democrazia e lealtà comunicativa / Le neuroscienze nella elaborazione e comprensione del linguaggio giuridico

Laboratori:

Linguaggio discriminatorio e questioni di genere nel testo giuridico / Accessibilità della comunicazione istituzionale nei rapporti tra cittadini e pubblica amministrazione / Produzione e comprensione del testo giuridico fra psicologia, neuroscienze ed etica / “Soggetti fragili” e mediazione linguistica e culturale per la comunicazione giuridica

Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Pavia

Per informazioni: 0382 984395 - elisabetta.anselmi@unipv.it lalinguadeldiritto.unipv.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2019

 

 

 

Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: C:\Users\Lara\Desktop\new.gif Lunedì 14 gennaio, lunedì 21 e lunedì 28 gennaio, lunedì 4, venerdì 15, lunedì 18 e lunedì 25 febbraio 2019 – NAPOLI - Winter School

“Spazio giuridico europeo e tutela dei diritti dell’imputato tra processo e carcere”

Obiettivi

Le giornate di studio sono luogo in cui confrontarsi sui profili problematici posti dal costituzionalismo contemporaneo in materia di giustizia penale; sono moda per rendere duttile la dogmatica della Procedura penale, che non riguarda solo categorie tradizionali ed indiscutibili dogmi, avendo essa cambiato valore a metà del secolo scorso e con esso il modo di manifestarsi. Sfruttando rapporti e conflitti tra leggi e Corti, essa (la dogmatica) ha conquistato una pregnante qualità democratica di respiro sovranazionale, restituendo consistenza e pregio alla tutela delle situazioni soggettive protette, troppo spesso affidate ad interpretazioni normative od a comportamenti processuali, che sembrano voler dominare la giurisdizione ed invece controllano le garanzie. L’impegno per la multidisciplinarità e per la collegialità dialettica, liberando il confronto da un percorso eminentemente scientifico, coltivato nell’individualismo accademico, lo condivide con professionalità altre, per misurarne semantiche e concetti con l'esperienza giudiziaria.

Destinatari

Il corso si rivolge ad avvocati, praticanti avvocati, magistrati, tirocinanti, ricercatori, dottori di ricerca, dottorandi e cultori della materia.

Modalità di svolgimento del Corso e selezione dei partecipanti

Le attività didattiche si svolgeranno dal 14 gennaio al 25 febbraio 2019 nell’aula Leone (ed. Corso Umberto I, piano terra) e saranno articolate in sessioni pomeridiane, nelle quali le lezioni teoriche si coniugheranno con quelle di stampo pragmatico. Ciascuna sessione di studio, articolata in n. 3/4 lezioni, avrà la durata complessiva di n. 3/4 ore. La frequenza è obbligatoria.

È previsto un numero massimo di 40 partecipanti scelti dal Coordinatore e dal Responsabile organizzativo sulla base del curriculum vitae e di una lettera di motivazione. Le domande di ammissione dovranno essere presentate, entro il 15 dicembre, all’indirizzo fabiana.falato@unina.it L’elenco dei partecipanti sarà comunicato il 21 dicembre.

Sede del Corso

Università degli Studi di Napoli “Federico II”, AULA LEONE (piano terra)

Per informazioni

e-mail: fabiana.falato@unina.it

Programma del corso

Lunedì 14 gennaio

Ore 14.30 – 15.00 Indirizzi di saluto

Lucio De Giovanni, Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza, Università degli Studi di Napoli “Federico II”; Giuseppe Riccio, Emerito di Procedura Penale; Francesco Caia, Componente del Consiglio Nazionale Forense; Maurizio Bianco, Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli; Gianfranco Mallardo, Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli Nord

Ore 15.00-15.15 – Presentazione del Corso

Fabiana Falato, ab. Associato di Procedura penale, docente di Cooperazione giudiziaria nell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”

I Sezione SPAZIO GIURIDICO EUROPEO E GIUSTIZIA PENALE: La “costruzione” dei diritti fondamentali nel dialogo tra Carte e Corti

Ore 15.15-16.00 – Prof. Giuseppe Riccio, Principi costituzionali e riforme della Procedura Penale

Ore 16.00-16.45 – Prof. Enrico Marzaduri (Università di Pisa), La massimizzazione della tutela dei diritti fondamentali nel sistema multilivello delle fonti che regolano il processo penale

Ore 16.45-17.30 – Dott. Francesco Cananzi, Esecuzione della pena e Carte dei diritti

II Sezione SPAZIO GIURIDICO EUROPEO E GIUSTIZIA PENALE: I diritti procedurali fondamentali dell’imputato

Lunedì 21 gennaio

Ore 14.30-15.30 – Prof. Oliviero Mazza (Università di Milano-Bicocca), Forme di tutela ante delictum e presunzione di innocenza

Ore 15.30-16.30 – Dott. Catello Maresca, Avv. Antonio Di Marco, Legalità e beni confiscati

Ore 16.30-17.30 – Dott. Raffaello Magi, Avv. Stefano Montone, La confisca: misura di sicurezza o sanzione?

Ore 17.30-18.30 – Dott. Luigi Gay, Avv. Giuseppe Scarpa, Destinazione dei beni confiscati e tutela dei terzi in buona fede

Lunedì 28 gennaio

Ore 14.30-15.30 – Prof. Agostino De Caro (Università del Molise), Libertà personale e filosofia cautelare

Ore 15.30-16.30 – Dott. Giuliano Caputo, Avv. Roberto Guida, Tribunale della libertà e garanzie individuali

Ore 16.30-17.30 – Dott.ssa Egle Pilla, Avv. Mario Griffo, Intercettazioni e tutela della privacy

Lunedì 4 febbraio

Ore 14.30-15.30 – Prof. Alfonso Furgiuele (Università di Napoli), Situazioni soggettive ed equo processo

Ore 15.30-16.30 – Dott. Giovanni Conzo, Avv. Ilaria Criscuolo, Pubblico ministero ed obbligatorietà dell’azione penale

Ore 16.30-17.30 – Dott. Lorenzo Salazar, Avv. Antonio Maddaluno, L’Ufficio del pubblico ministero europeo

Ore 17.30-18.30 – Dott. Giovanni Corona, Avv. Luigi Ferrandino, La parità tra accusa e difesa come regola di sistema

III Sezione SPAZIO GIURIDICO EUROPEO E GIUSTIZIA PENALE: Diritti del detenuto e tutela giurisdizionale

Venerdì 15 febbraio

ore 14.30-15.30 – Prof. Renzo Orlandi (Università di Bologna), Tensioni ideali sul tema del carcere

ore 15.30-16.30 – Dott. Gabriella Gallucci, Furio Cioffi, Avv. Giuseppe Caruso, La detenzione “riparabile”

ore 16.30-17.30 – Dott.ssa Simona Di Monte, Avv. Alfredo Sorge, La presenza “virtuale” dell’imputato detenuto al processo

Lunedì 18 febbraio

ore 14.30-15.30 – Prof. Francesco Caprioli (Università di Torino), Legalità penale ed intangibilità del giudicato

ore 15.30-16.30 – Dott. Henry J. Woodcock, Avv. Roberto Imperatore, Accusa e difesa nel procedimento di sorveglianza

ore 16.30-17.30 – Dott. Gaetano Eboli, Avv. Antonio Alaio, “Umanizzazione” della pena e ruolo della giurisdizione

Lunedì 25 febbraio ore 15.00

Lectio Magistralis del Prof. Paolo Ferrua, Emerito di Procedura Penale,

sul tema « Costituzione ed etica del diritto2

Cattedra di Cooperazione giudiziaria - Prof. Fabiana Falato

Università degli Studi di Napoli “Federico Ii” - Dipartimento di Giurisprudenza