CONSULTA ONLINE 

 

Alta Corte per la Regione siciliana

 

Decisione 12 agosto 1948 – 15 gennaio 1949, n. 6

sul ricorso del Commissario dello Stato contro la legge approvata dall’Assemblea regionale il 10 luglio 1948, concernente: « Istituzione ed ordinamento dei corpi consultivi della pubblica istruzione, delle accademie, musei e biblioteche »

 

Presidente: SCAVONETTI; Relatore: SELVAGGI; Estensore: MERLIN; P.M.: EULA. — Commissario dello Stato (Avv. St. DE BERNARDINIS) - Regione Siciliana (Avv.ti SALEMI e ORLANDO CASCIO).

 

(omissis)

Attesochè la Regione Siciliana, con legge 10 luglio 1948, ha istituito ed ordinato dei corpi consultivi per tutto quanto attiene alla pubblica istruzione. Tali corpi consultivi costituiscono il Consiglio regionale della pubblica istruzione; delle accademie, musei e biblioteche formati da 34 membri e divisi in quattro sezioni, la prima per la istruzione elementare, la seconda per l’istruzione media, la terza per l’istruzione superiore, la quarta per accademie, musei e biblioteche.

Detto Consiglio avrebbe lo scopo di sostituire, nell’ambito della Regione, i corpi consultivi del Ministero della pubblica istruzione, per quanto concerne la istruzione elementare, le accademie, i musei e le biblioteche, mentre, per la istruzione superiore e media le attribuzioni si riferiscono alle facoltà demandate all’Assemblea ed al Governo regionali dagli artt. 17 e 20 dello Statuto della Regione.

Attesochè il Commissario dello Stato è ricorso all’Alta Corte perchè sia dichiarata nulla per incostituzionalità la detta legge.

Attesochè l’articolo primo della suddetta legge regionale attribuisce ai nuovi corpi regionali tutte «le funzioni che in virtù delle vigenti leggi sono esercitate dai corpi consultivi del Ministero della pubblica istruzione» «per quanto concerne la istruzione elementare, le accademie, i musei e le biblioteche», e l’articolo 2 attribuisce agli stessi corpi le facoltà che si riferiscono all’istruzione media e superiore.

Attesochè tale disposizione così generica lede le disposizioni di legge che si riferiscono alla posizione del personale statale della Istruzione riguardante nomina, carriera, quiescenza, nonché le disposizioni di ordinamento generale per quel che riguarda i servizi non ancora passati alla Regione, ai termini di legge.

 

P. Q. M.

 

Accoglie il ricorso proposto dal Commissario dello Stato presso la Regione Siciliana avverso la legge 10 luglio 1948 sull’istituzione ed ordinamento dei corpi consultivi regionali della pubblica istruzione, accademie, musei, biblioteche.