CONSULTA ONLINE 

ORDINANZA N. 117

ANNO 2006

 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE COSTITUZIONALE

 

composta dai signori:

-  Annibale                                         MARINI                                Presidente

-  Franco                                             BILE                                      Giudice

-  Giovanni Maria                               FLICK                                         

-  Francesco                                        AMIRANTE                               

-  Ugo                                                 DE SIERVO                                

-  Romano                                          VACCARELLA                         

-  Paolo                                               MADDALENA                          

-  Alfio                                               FINOCCHIARO                        

-  Alfonso                                           QUARANTA                              

-  Franco                                             GALLO                                       

-  Luigi                                               MAZZELLA                               

-  Gaetano                                          SILVESTRI                                 

-  Sabino                                             CASSESE                                    

-  Maria Rita                                       SAULLE                                     

-  Giuseppe                                         TESAURO                                  

ha pronunciato la seguente

ORDINANZA

nel giudizio per conflitto promosso con ricorso della “Lista consumatori C.O.D.A.CONS. Democrazia Cristiana”, depositato in cancelleria il 22 marzo 2006 ed iscritto al n. 7 del registro conflitti tra poteri dello Stato 2006, fase di ammissibilità.

         Udito nella camera di consiglio del 23 marzo 2006 il Giudice relatore Romano Vaccarella.

         Considerato che il ricorso in questione – in gran parte riproduttivo di note depositate in sede di appello proposto dal ricorrente davanti al Consiglio di Stato avverso varie ordinanze emesse dal TAR del Lazio in sede cautelare – è volto ad affermare la sussistenza della giurisdizione del Giudice amministrativo relativamente alla fase prodromica (ed in particolare, alla presentazione delle liste) delle elezioni politiche, ed a negare quella della Camera dei deputati, che esisterebbe solo relativamente alla verifica dei titoli di ammissione dei suoi componenti;

         che, pertanto, la «definitiva dichiarazione di volontà», declinatoria della sua giurisdizione, è stata emessa dalla Camera dei Deputati (Giunta per le elezioni) quale organo avente natura giurisdizionale, ed altrettanto deve dirsi, evidentemente, di quella espressa dal Giudice amministrativo;

         che a questa Corte non compete risolvere conflitti negativi (o positivi) di giurisdizione (art. 362 cod. proc. civ.) e, pertanto, come richiesto dal ricorrente, «stabilire il potere giurisdizionale del Giudice amministrativo sulla materia»;

         che tale rilievo è assorbente di ogni altro, e quindi anche di quello relativo alla carenza di legittimazione attiva a sollevare conflitti di attribuzione ai sensi dell’art. 37 legge n. 87 del 1953 (ordinanza n. 79 del 2006).

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara irricevibile il ricorso.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 23 marzo 2006.

Annibale MARINI, Presidente

Romano VACCARELLA, Redattore

Depositata in Cancelleria il 23 marzo 2006.