CONSULTA ONLINE 

ORDINANZA N.222

ANNO 1998

 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai signori Giudici:

- Dott.   Renato GRANATA, Presidente

- Prof.    Giuliano VASSALLI

- Prof.    Francesco GUIZZI               

- Prof.    Cesare MIRABELLI            

- Prof. Fernando SANTOSUOSSO               

- Avv.    Massimo VARI                     

- Dott.   Cesare RUPERTO                

- Dott.   Riccardo CHIEPPA             

- Prof.    Gustavo ZAGREBELSKY              

- Prof.    Valerio ONIDA                    

- Prof.    Carlo MEZZANOTTE         

- Avv.    Fernanda CONTRI               

- Prof.    Guido NEPPI MODONA                

- Prof.    Piero Alberto CAPOTOSTI             

- Prof. Annibale MARINI

ha pronunciato la seguente

ORDINANZA

nel giudizio di legittimità costituzionale del Capo IV della legge 28 febbraio 1985, n. 47 (Norme in materia di controllo dell’attività urbanistico-edilizia, sanzioni, recupero e sanatoria delle opere edilizie), come modificato dalla legge 23 dicembre 1994, n. 724 (Misure di razionalizzazione della finanza pubblica), promosso con ordinanza emessa il 27 febbraio 1996 dal Pretore di Salerno, sezione distaccata di Cava dei Tirreni nel procedimento penale a carico di Baldini Giuseppe, iscritta al n. 622 del registro ordinanze 1997 e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica n. 40, prima serie speciale, dell’anno 1997.

Visto l’atto di intervento del Presidente del Consiglio dei ministri;

udito nella camera di consiglio del 7 aprile 1998 il Giudice relatore Riccardo Chieppa.

Ritenuto che il Pretore di Salerno, sezione distaccata di Cava dei Tirreni, ha sollevato, con ordinanza emessa il 27 febbraio 1996, questione di legittimità costituzionale, in riferimento all’art. 3 della Costituzione, delle disposizioni di cui al capo IV della legge 28 febbraio 1985, n. 47 (Norme in materia di controllo dell’attività urbanistico-edilizia, sanzioni, recupero e sanatoria delle opere edilizie), come modificato dall’art. 39 della legge 23 dicembre 1994, n. 724 (Misure di razionalizzazione della finanza pubblica), nella parte in cui non consentono di potere fruire del beneficio del condono edilizio a colui il quale abbia spontaneamente provveduto alla riduzione in pristino, demolendo la costruzione abusiva;

che, a parere del giudice a quo, la causa estintiva dell’illecito penale non opererebbe in favore di colui che, tenendo una condotta meno censurabile rispetto a chi sia rimasto inerte di fronte alla realizzazione del manufatto abusivo, abbia sua sponte demolito la costruzione di cui all’illecito edilizio: dando così luogo alla disparità di trattamento affetta da irragionevolezza, tale da impingere nella violazione dell’art. 3 della Costituzione;

che nel giudizio é intervenuto il Presidente del Consiglio dei ministri, rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, chiedendo che la questione sia dichiarata manifestamente infondata.

Considerato che la questione, nei termini in cui viene sollevata, ha già formato oggetto di esame da parte della Corte con pronunce di manifesta infondatezza (ordinanze n. 232 del 1997 e n. 137 del 1996) e, per quanto attiene al sistema del condono edilizio di cui alla legge n. 47 del 1985, con pronunce di non fondatezza (sentenze n. 369 del 1988 e n. 167 del 1989);

che é stato in particolare chiarito che l’avvenuta demolizione del manufatto abusivamente realizzato non impedisce l’estinzione del reato, poichè non é ostativa alla facoltà da parte del responsabile dell’abuso di presentare comunque la domanda di condono-sanatoria;

che l’ordinanza in epigrafe non introduce profili o argomenti nuovi rispetto a quelli già esaminati dalla Corte o, comunque, suscettibili di indurre a diverso avviso, sicchè la questione va dichiarata manifestamente infondata.

Visti gli artt. 26, secondo comma, della legge 11 marzo 1953, n. 87 e 9, secondo comma, delle norme integrative per i giudizi davanti alla Corte costituzionale.

PER QUESTI MOTIVI

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara la manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale delle disposizioni di cui al capo IV della legge 28 febbraio 1985, n. 47 (Norme in materia di controllo dell’attività urbanistico-edilizia, sanzioni, recupero e sanatoria delle opere edilizie), come modificato dall’art. 39 della legge 23 dicembre 1994, n. 724 (Misure di razionalizzazione della finanza pubblica), sollevata, in riferimento all’art. 3 della Costituzione, dal Pretore di Salerno, sezione distaccata di Cava dei Tirreni, con l’ordinanza in epigrafe.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 1° giugno 1998.

Presidente: Renato GRANATA

Redattore: Riccardo CHIEPPA

Depositata in cancelleria il 19 giugno 1998.