CONSULTA ONLINE 

ORDINANZA N.338

ANNO 1996

 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai signori Giudici:

-     Avv. Mauro FERRI, Presidente

-     Prof. Luigi MENGONI

-     Prof. Enzo CHELI

-     Dott. Renato GRANATA

-     Prof. Giuliano VASSALLI

-     Prof. Francesco GUIZZI

-     Prof. Cesare MIRABELLI

-     Prof. Fernando SANTOSUOSSO

-     Avv. Massimo VARI

-     Dott. Cesare RUPERTO

-     Dott. Riccardo CHIEPPA

-     Prof. Gustavo ZAGREBELSKY

-     Prof. Valerio ONIDA

-     Prof. Carlo MEZZANOTTE

ha pronunciato la seguente

ORDINANZA

nel giudizio sull'ammissibilitą del conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato sollevato da Pannella Giacinto, detto Marco, Bernardini Rita, Cicciomessere Roberto, rappresentanti del comitato promotore del referendum in materia di finanziamento pubblico dei partiti -- ammesso con la sentenza n. 30 del 1993 della Corte costituzionale -- nei confronti del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati, a seguito della delibera del 1o agosto 1996 di approvazione, da parte della I^ Commissione permanente del Senato, in sede deliberante, della proposta di legge recante: "Norme per la regolamentazione della contribuzione volontaria ai movimenti o partiti politici"; depositato il 28 agosto 1996 ed iscritto al n. 65 del registro ammissibilitą conflitti.

Udito nella camera di consiglio del 30 settembre 1996 il Giudice relatore Mauro Ferri.

RITENUTO che i rappresentanti del Comitato promotore del referendum abrogativo in materia di finanziamento pubblico dei partiti politici, svoltosi il 18 aprile 1993, hanno sollevato conflitto di attribuzione nei confronti del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati, in relazione all'atto di approvazione del 1o agosto 1996, da parte della prima Commissione permanente del Senato in sede deliberante, della proposta di legge recante "Norme per la regolamentazione della contribuzione volontaria ai movimenti o partiti politici";

che, con atto depositato il 28 settembre 1996, i medesimi rappresentanti hanno dichiarato di rinunciare al ricorso;

che la Corte e' stata convocata in camera di consiglio per deliberare ai sensi degli artt. 37 della legge 11 marzo 1953, n.87, e 26 delle norme integrative per i giudizi avanti alla Corte costituzionale.

CONSIDERATO che la rinuncia, in questa fase, determina la necessitą di dichiarare, con assoluta precedenza, l'estinzione del processo.

PER QUESTI MOTIVI

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara estinto il processo.

Cosģ deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 30/09/96.

Mauro FERRI, Presidente

Mauro FERRI, Redattore

Depositata in cancelleria il 08/10/96.