CONSULTA ONLINE

SENTENZA N. 498

ANNO 1993

 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai signori:

Presidente

Prof. Francesco Paolo CASAVOLA

Giudici

Prof. Gabriele PESCATORE

Avv. Ugo SPAGNOLI

Prof. Antonio BALDASSARRE

Prof. Vincenzo CAIANIELLO

Avv. Mauro FERRI

Prof. Luigi MENGONI

Prof. Enzo CHELI

Dott. Renato GRANATA

Prof. Giuliano VASSALLI

Prof. Francesco GUIZZI

Prof. Cesare MIRABELLI

Prof. Fernando SANTOSUOSSO

Avv. Massimo VARI

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nel giudizio di legittimitą costituzionale dell'art. 48, primo comma, della legge regionale del Piemonte 5 dicembre 1977, n. 56 (Tutela ed uso del suolo), promosso con ordinanza emessa il 12 novembre 1992 dal Tribunale amministrativo regionale per il Piemonte sul ricorso proposto dalla S.r.l. Corolla contro il Comune di Suno, iscritta al n. 142 del registro ordinanze 1993 e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica n. 14, prima serie speciale, dell'anno 1993.

Visti gli atti di costituzione della S.r.l. Corolla e del Comune di Suno, nonchč l'atto di intervento della Regione Piemonte;

udito nell'udienza pubblica del 2 novembre 1993 il Giudice relatore Antonio BALDASSARRE;

udito l'Avv. Gustavo Romanelli per la Regione Piemonte.

Ritenuto in fatto

l.- Il Tribunale amministrativo regionale per il Piemonte, adito per la ripetizione di una somma versata a titolo di oneri di urbanizzazione, della quale l'attore contestava la legittimitą in quanto riferita a un mutamento di destinazione d'uso di un immobile senza realizzazione di opere, ha sollevato questione di legittimitą costituzionale dell'art.48, primo comma, della legge della Regione Piemonte 5 dicembre 1977, n. 56 (Tutela ed uso del suolo), per violazione dell'art. 117 della Costituzione, in relazione all'art. 25, ultimo comma, della legge 28 febbraio 1985, n. 47 (Norme in materia di controllo dell'attivitą urbanistico-edilizia, sanzioni, recupero e sanatoria delle opere edilizie).

Dopo aver respinto due delle tre eccezioni di inammissibilitą del ricorso proposte nel giudizio principale dal convenuto Comune di Suno (difetto di valida procura, difetto di giurisdizione e irricevibilitą del ricorso per tardivitą) - segnatamente quelle relative alla validitą della procura e al difetto di giurisdizione - il Tribunale amministrativo regionale per il Piemonte ha considerato non manifestamente infondata, nonchč pregiudiziale rispetto alla decisione sul merito e a quella sulla ulteriore eccezione di irricevibilitą del ricorso per tardivitą, la questione di costituzionalitą del citato art. 48, primo comma, il quale prevede la necessitą della concessione anche per i mutamenti di destinazione d'uso degli immobili, pur se non comportanti interventi edilizi, se superiori a 700 metri cubi, ritenendolo in contrasto con il principio fondamentale della materia stabilito dall'art. 25, ultimo comma, della legge n. 47 del 1985.

Infatti, precisa il giudice a quo, ove questa Corte annullasse la norma contestata ribadendo il principio stabilito dal citato art. 25 e affermato nella sentenza n. 73 del 1991, per il quale tutti i muta menti di destinazione d'uso senza opere possono essere sottoposti soltanto ad autorizzazione, si dovrebbe respingere l'eccezione di tardivitą del ricorso del giudizio principale (in quanto, cadendo la necessitą della concessione, l'azione del ricorrente deve considerarsi legittimamente esperibile entro il termine di prescrizione) e si dovrebbe accogliere nel merito il medesimo ricorso.

Ad avviso del giudice rimettente, il contrasto fra l'impugnato art. 48, primo comma, che esige la concessione per i mutamenti di destinazioni d'uso senza interventi edilizi relativi a immobili di volume superiore a 700 metri cubi, e l'art. 25, ultimo comma, della legge n. 47 del 1985, il quale, per i medesimi mutamenti, prevede, in certi casi, la sola autorizzazione, non potrebbe essere risolto in via interpretativa, dal momento che, conformemente alla giurisprudenza propria e del Consiglio di Stato, la norma contestata non puņ avere significato diverso da quello denunciato, in considerazione del fatto che l'art. 56 della stessa legge regionale n. 56 del 1977, nell'elencare gli interventi soggetti al regime autorizzatorio, non contempla i mutamenti di destinazione d'uso sopra indicati. , sempre ad avviso dello stesso giudice a quo, il citato contrasto potrebbe esser definito in termini di abrogazione, poichč, trattandosi di fonti appartenenti a ordini normativi diversi, esso appare configurabile soltanto nei termini della illegittimitą costituzionale.

2.- Mentre il Comune di Suno ha depositato il proprio atto di costituzione fuori termine, si č invece regolarmente costituita la societą "Corolla", ricorrente nel giudizio a quo.

Nel richiedere l'accoglimento della questione nei termini prospettati dall'ordinanza di rimessione, la predetta societą svolge argomenti coincidenti con quelli addotti dal giudice a quo, richiamando anch'essa il precedente della sentenza n. 73 del 199l. Tuttavia, sulla premessa della indubitabilitą del contrasto denunciato, la parte costituita ritiene prioritaria la richiesta di una pronunzia d'infondatezza, basata sul riconoscimento dell'intervenuta abrogazione della norma impugnata ai sensi dell'art. 10 della legge n. 62 del 1953, essendo la legge-quadro del 1985 successiva alla norma denunziata.

3.- La Regione Piemonte ha spiegato intervento nel presente giudizio, costituendosi tempestivamente per chiedere l'infondatezza o l'inammissibilitą della dedotta questione e riservandosi di depositare ulteriori memorie.

4.- In prossimitą dell'udienza la Regione Piemonte ha depositato una memoria, con la quale deduce, innanzitutto, l'irrilevanza della questione sotto diversi profili. Il primo motivo d'irrilevanza discenderebbe dal fatto che il giudice a quo non avrebbe motivato adeguatamente in ordine alle eccezioni preliminari prospettate dal Comune di Suno nel giudizio principale. Un ulteriore motivo d'irrilevanza deriverebbe, poi, dal fatto che il giudice a quo avrebbe dovuto seguire gradatamente l'ordine delle argomentazioni prospettate dal ricorrente del giudizio principale, poichč l'accoglimento del primo motivo del ricorso, secondo il quale al caso dedotto non sarebbe nemmeno applicabile la legge n. 10 del 1977 (trattandosi di immobile costruito prima dell'entrata in vigore della legge), renderebbe meramente eventuale la sollevata questione.

In terzo luogo, la Regione Piemonte ritiene che la questione sollevata sia inammissibile, in conseguenza del fatto che il contrasto tra l'art. 48, primo comma, della legge della Regione Piemonte e l'art. 25, ultimo comma, della legge n. 47 del 1985 darebbe luogo all'abrogazione della norma denunziata, ai sensi dell'art. 10 della legge n. 62 del 1953 (per il quale la contraddizione fra una norma regionale e un principio introdotto da una legge cornice successiva configura un'ipotesi di abrogazione della prima).

Oltre a prospettare un'ulteriore ragione d'inammissibilitą per irrilevanza a causa della interpretazione palesemente errata data alla norma impugnata dal giudice a quo, la Regione Piemonte, nel merito, invita questa Corte a rivedere la decisione presa con la sentenza n. 73 del 1991, poichč la ragionevolezza della norma denunziata deriverebbe dal rilievo che quest'ultima non riguarderebbe indiscriminatamente tutti i mutamenti di destinazione d'uso, ma soltanto quelli relativi a immobili di rilevanti dimensioni (cioé di volume superiore a 700 metri cubi), immobili che, per la loro presunta importanza urbanistica ed economica, giustificherebbero il pił intenso controllo amministrativo comportato dalla concessione. Sotto questo profilo, la Regione Piemonte conclude chiedendo una pronunzia di non fondatezza della questione proposta dal giudice a quo.

Considerato in diritto

l.- Il Tribunale amministrativo regionale per il Piemonte ha sollevato questione di legittimitą costituzionale dell'art. 48, primo comma, della legge regionale del Piemonte 5 dicembre 1977, n. 56 (Tutela ed uso del suolo), per violazione dell'art. 117 della Costituzione, in relazione al principio fondamentale della materia stabilito dall'art. 25, ultimo comma, della legge 28 febbraio 1985, n. 47 (Norme in materia di controllo dell'attivitą urbanistico-edilizia, sanzioni, recupero e sanatoria delle opere edilizie).

In particolare, il giudice rimettente - dopo aver ricordato che, secondo la giurisprudenza formatasi sulla norma impugnata, questa comporta che i mutamenti di destinazione d'uso relativi ad immobili di volume non inferiore a 700 metri cubi, ancorchč compiuti senza realizzazione di opere, sono soggetti a concessione edilizia comunale - ritiene che, cosģ interpretato, l'art. 48, primo comma, della legge regionale n.56 del 1977 si ponga in insanabile contrasto con l'art. 25, ultimo comma, della legge n. 47 del 1985, il quale, come ha affermato questa Corte nella sentenza n. 73 del 1991, esclude che le modifiche funzionali degli immobili non connesse all'esecuzione di interventi edilizi possano essere sottoposte a concessione.

Su tale base, il giudice a quo chiede una pronunzia d'illegittimitą costituzionale della disposizione impugnata, dal momento che il contrasto fra l'art. 48, primo comma, della legge regionale impugnata con il principio fondamentale stabilito dall'art. 25, ultimo comma, della legge n. 47 del 1985 non potrebbe essere superato in via interpretativa.

Secondo lo stesso giudice, infatti, la sottoposizione a concessione dei mutamenti indicati nell'art. 48 sarebbe confermata dall'art. 56 della stessa legge regionale, il quale nell'elencare gli interventi soggetti ad autorizzazione, non include nella previsione i mutamenti di destinazione d'uso degli immobili, di volume superiore a 700 metri cubi, non connessi all'esecuzione di opere edilizie.

In via preliminare, la Regione Piemonte eccepisce l'inammissibilitą della questione di costituzionalitą sotto un triplice profilo: innanzitutto, questa sarebbe irrilevante, in quanto il giudice a quo non avrebbe adeguatamente motivato sulle varie eccezioni di inammissibilitą opposte dal convenuto nel giudizio principale e, in particolare, su quella attinente all'asserito difetto di giurisdizione del giudice amministrativo; in secondo luogo, la medesima questione non sarebbe necessariamente pregiudiziale, dal momento che il giudice a quo, non avendo esaminato i motivi addotti dal ricorrente nell'ordine da questi seguito, non ha preso in considerazione il primo motivo d'inammissibilitą che, se accolto, avrebbe fatto venire meno il presupposto per sollevare la questione ora in esame; infine, l'inammissibilitą del giudizio di costituzionalitą deriverebbe, altresģ, dal fatto che la norma contestata, essendo incompatibile con un principio fondamentale successivamente stabilito da una legge statale, dovrebbe esser considerata, non gią costituzionalmente illegittima, ma abrogata.

2.- La questione č inammissibile.

Premesso che, in base alla costante giurisprudenza costituzionale, l'autonomia del giudizio di costituzionalitą rispetto a quello principale preclude a questa Corte, in assenza di vizi rilevabili ictu oculi, qualsiasi sindacato tanto in relazione alla sussistenza dei presupposti richiesti per la regolare instaurazione del giudizio a quo, quanto in relazione all'operato del giudice rimettente circa l'ordine con il quale egli ha ritenuto di affrontare i motivi di ricorso sottoposti al suo esame, nondimeno la dichiarazione d'inammissibilitą della dedotta questione si rende necessaria non potendo ritenersi attualmente in vigore la norma di legge regionale oggetto di contestazione.

Nell'interpretazione costantemente seguita dalla giurisprudenza amministrativa e accolta dal giudice rimettente, l'art. 48, primo comma, della legge regionale n.56 del 1977, esige la concessione comunale per l'esecuzione dei mutamenti di destinazione d'uso relativi ad immobili di volume non inferiore a 700 metri cubi, anche se compiuti senza realizzazione di opere. Tuttavia, successivamente all'adozione della predetta disposizione č intervenuta la legge statale 28 febbraio 1985, n. 47, la quale all'art. 25, ultimo comma, ha stabilito una norma di principio sulla stessa materia contraria e incompatibile con quella oggetto del presente giudizio. Infatti, come ha affermato questa Corte nella sentenza n. 73 del 1991, il ricordato art. 25, ultimo comma, stabilisce un principio fondamentale della materia, secondo il quale deve "ritenersi esclusa dal regime della concessione ogni ipotesi di mutamento di destinazione non connessa con modifiche strutturali dell'immobile". Pertanto, anche in considerazione dell'art. 10, primo comma, della legge 10 febbraio 1953, n. 62 - alla cui stregua "le leggi della Repubblica che modificano i principi fondamentali (...) abrogano le norme regionali che siano in contrasto con esse" -, l'art. 48, primo comma, della legge della Regione Piemonte n. 56 del 1977 deve considerarsi abrogato nella parte in cui richiede la concessione comunale per i mutamenti di destinazioni d'uso degli immobili ivi indicati non connessi all'esecuzione di interventi edilizi.

Poichč, dunque, la norma di legge regionale, la cui legittimitą costituzionale č contestata dal giudice a quo, non č attualmente in vigore, la relativa questione deve esser dichiarata inammissibile.

PER QUESTI MOTIVI

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara inammissibile la questione di legittimitą costituzionale dell'art.48, primo comma, della legge della Regione Piemonte 5 dicembre 1977, n. 56 (Tutela ed uso del suolo), sollevata, in riferimento all'art. 117 della Costituzione, dal Tribunale amministrativo regionale per il Piemonte, con l'ordinanza indicata in epigrafe.

Cosģ deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il

Francesco Paolo CASAVOLA, Presidente

Antonio BALDASSARRE, Redattore

Depositata in cancelleria il31/12/1993