CONSULTA ONLINE 

ORDINANZA N. 184

ANNO 1992

 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai signori Giudici:

Prof. Giuseppe BORZELLINO, Presidente

Dott. Francesco GRECO

Prof. Gabriele PESCATORE

Avv. Ugo SPAGNOLI

Prof. Francesco Paolo CASAVOLA

Prof. Antonio BALDASSARRE

Prof. Vincenzo CAIANIELLO

Avv. Mauro FERRI

Prof. Luigi MENGONI

Prof. Enzo CHELI

Dott. Renato GRANATA

Prof. Giuliano VASSALLI

Prof. Francesco GUIZZI

Prof. Cesare MIRABELLI

ha pronunciato la seguente

ORDINANZA

nel giudizio sull'ammissibilitą del conflitto di attribuzione fra poteri dello Stato sollevato dal Consiglio superiore della magistratura nei confronti del Ministro di grazia e giustizia nonchč nei confronti del Presidente del Consiglio dei ministri, con ricorso depositato in Cancelleria il 20 marzo 1992, ed iscritto al n. 41 del registro ammissibilitą conflitti.

Udito nella camera di consiglio del 15 aprile 1992 il Giudice relatore Aldo Corasaniti.

Ritenuto che, con ricorso depositato il 20 marzo 1992, il Consiglio superiore della magistratura, in persona del Vice Presidente, a ciņ delegato dal Presidente, ha sollevato conflitto di attribuzione nei confronti del Ministro di grazia e giustizia nonchč del Presidente del Consiglio dei ministri, in relazione al rifiuto opposto dal Ministro di dare corso, mediante la proposta del relativo decreto del Presidente della Repubblica, alla deliberazione di nomina del Presidente della Corte d'appello di Palermo, nella persona del dott. Pasquale Giardina, deliberazione adottata da esso Consiglio nella seduta dell'11 dicembre 1991;

che il Consiglio ricorrente ha lamentato la lesione, per effetto del rifiuto opposto dal Ministro, delle attribuzioni garantite ad esso Consiglio da norme costituzionali in tema di provvedimenti sullo stato dei magistrati e in particolare di conferimento di uffici direttivi, e ha chiesto che sia dichiarato che non spetta al Ministro il potere di non dare corso alla suindicata deliberazione; o, in via subordinata, che non spetta al Ministro il potere di impedire, "negando il proprio positivo concerto alla proposta di nomina", la deliberazione stessa;

Considerato che ricorrono i requisiti di cui all'art. 37 della legge 11 marzo 1953, n. 87, ai fini della configurabilitą di un conflitto di attribuzioni fra poteri dello Stato la cui risoluzione spetti a questa Corte;

che, infatti, per un verso ciascuno degli organi fra i quali si assume essere insorto il conflitto č abilitato ad esercitare, nella materia, attribuzioni proprie ad esso conferite dalla Costituzione (artt.105, 110, 95 Cost.);

che, per altro verso, č lamentata in concreto la lesione di una data attribuzione costituzionalmente garantita, qual č quella conferita al Consiglio superiore della magistratura in ordine allo status dei magistrati (art. 105 Cost.);

che, pertanto, va dichiarato ammissibile il ricorso, mentre, atteso il carattere di mera delibazione, senza contraddittorio, della presente pronuncia, resta impregiudicata, secondo la costante giurisprudenza di questa Corte, ogni decisione anche in punto di ammissibilitą.

PER QUESTI MOTIVI

LA CORTE COSTITUZIONALE

dichiara ammissibile, ai sensi dell'art. 37 della legge 11 marzo 1953, n.87, il ricorso per conflitto di attribuzione proposto dal Consiglio superiore della magistratura nei confronti del Ministro di grazia e giustizia nonchč del Presidente del Consiglio dei ministri;

dispone: a) che la cancelleria della Corte dia immediata comunicazione al ricorrente della presente ordinanza; b) che, a cura del ricorrente, il ricorso e la presente ordinanza siano notificati agli organi indicati nel ricorso stesso entro il termine di giorni trenta dalla comunicazione.

Cosģ deciso in Roma, in camera di consiglio, nella Sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 15/04/92.

Giuseppe BORZELLINO, Presidente

Aldo CORASANITI, Redattore

Depositata in cancelleria il 16 aprile del 1992.